TANALIBERATUTTI

 

Avvicinamento – Dal campo base sotto Punta Numa salire in direzione N per facili pendii erbosi e radi boschi il pendio sulla sx orografica della valle puntando alla parete [non so come si chiama]

Attacco – Alla base di una vaga conca articolata che punta al tetto mediano di dx dei due che tagliano la parete

L1 – In obliquo a sx per rocce articolate aggirando una banca erbosa basale, quindi diritti e in obliquo a dx; a una vena che taglia la placca da dx a sx si riprende a obliquare a sx; per fessurino diritti alla sosta (VII- – 40 m) (De Toni, Steinhilber)

L2 – Diritti sopra la sosta fino a una conca con fessurino sulla dx; seguire il fessurino fino a una conca soprastante (VII- e A1 – 30 m); necessario 1 microfriend (Steinhilber)

L3 – In lieve obliquo a sx seguendo le zone più articolate della parete puntando a una cengia a dx di un grande ciuffo d’erba visibile da sotto (VI+/VII- – 30 m); 1 multimonti tolto dopo sostituzione del precedente con fix da 12 mm (De Toni)

L4 – In obliquo a sx per vena, diritti per diedro articolato e di nuovo in obliquo a sx e diritti fino alla sosta (VII- – 30 m) (Steinhilber)

L5 – Diritti sopra la sosta, superando un tettino; quindi in obliquo a sx per vena fino a una costola; di qui in traverso a sx tagliando uno strapiombo sulla sua sx, in obliquo a sx, a dx e di nuovo a sx su magnifica placca nera (1 p. Ao e VII+ – 40 m) (Sossi)

L6 – Diritti sopra la sosta per placca compatta fino al bordo del tetto soprastante (fix del 12 alternati a buchi per talon) (A1 – 20 m) (Steinhilber)

Discesa – Doppie: S6, S5, S4, S3, S2

***

Il videoracconto di Ralf Steinhilber

***

Il racconto di Sandro De Toni (sandrodetoni.org)

TanaLiberaTutti

Show me the dirt pile
And I will pray
that the soul can take
Three stowaways
Vanish with no guile

And I will not pay
But the soul can wait
The soul can wait

It’s still pretty
What with all these weeks
We’ll be fine
We’ll be fine
But if it’s still pretty
What with all these weeks
We’ll be fine, oh

Interpol
Pioneer to the Falls
Our Love to Admire (2017)

 

1. Supercanaleta

Già la prima sera di permanenza in valle l’avevamo vista.
Pietro ci parlava di una fessura nel bel mezzo di una magnifica placca sotto i tetti del Chaupi Huanca Norte. Lui fantasticava che Silvia potesse salirla da prima, piazzando i friend. Sarebbe stato molto bello.
Al calare della notte Ralf e io eravamo saliti sul pendio di fronte e l’avevamo guardata.
Era magnifica: un taglio netto, regolare in mezzo a muri compatti.
Al suo termine si vedevano rugosità che parevano dare speranze di proseguire a sx, per diedri ripidi.

Continua a leggere ->